sabato 28 giugno 2014

MORGAN DAL VIVO A MONZA: un chimico della musica, un feticista della sperimentazione (senza menzionare X-Factor e Asia Argento)

"Il mondo è così privo d'amore che io ho disimparato ad odiare"



Forse passare una serata con Morgan significa risvegliarsi nudo sul ponte dei leoni a Monza senza sapere perché. Essere fra il pubblico a un suo concerto non avrà la stessa conclusione ma è comunque un’esperienza sorprendente.

Non lo ascoltavo dal vivo dai tempi dei Bluvertigo, dal 1904 credo, e ho approfittato del Brianza Rock Festival per tornare a questa buona abitudine.
Nonostante fossi preparato a trovarmi di fronte a un virtuoso dell’arte musicale… a fine concerto non ho potuto fare a meno che applaudire a piene mani e tornare a casa con un sorriso di compiacimento che non accenna ad attenuarsi nemmeno stamattina.


mercoledì 25 giugno 2014

La rabbia di Balotelli in una lettera agli italiani: "Ho dato tutto, gli africani non mi avrebbero scaricato così"

Non faccio in tempo a scrivergli che Mario Balotelli risponde all'Italia intera:

- “Sono Mario Balotelli ho 23 anni e non ho scelto di essere italiano. L’ho voluto fortemente perché sono nato in ITALIA e ho sempre vissuto in ITALIA. Ci tenevo fortemente a questo Mondiale e sono triste arrabbiato deluso con me stesso. Si magari potevo fare gol con la Costa Rica avete ragione ma poi? Poi qual’è il problema? Forse quello che vorreste dire tutti è questo?
La colpa non la faccio scaricare a me solo questa volta perché Mario Balotelli ha dato tutto per la nazionale e non ha sbagliato niente (a livello caratteriale) quindi cercate un’altra scusa perché Mario Balotelli ha la coscienza a posto ed è pronto ad andare avanti più forte di prima e con la testa alta.
Fiero di aver dato tutto per il Suo paese. O forse, come dite voi, non sono Italiano. Gli africani non scaricherebbero mai un loro “fratello”. MAI. In questo noi negri, come ci chiamate voi, siamo anni luce avanti.
VERGOGNA non è chi può sbagliare un gol o correre di meno o di più. VERGOGNOSE SONO QUESTE COSE. Italiani veri! Vero?”. -
 
Vedi Mario… non basta credersi il migliore per esserlo… bisogna dimostrarlo… e tu non l’hai mai dimostrato!
MAI! ...se non con sporadici lampi di genio… che possono capitare a qualunque attaccante che giochi ad alti livelli.

Mario... e basta con 'sto fatto che sei "negro"! Chi se ne frega! 
Ho la sensazione che se tu fossi stato un comune italiano di pelle rosea saresti stato un Quagliarella qualunque, anzi... forse Quagliarella ha dei numeri anche migliori dei tuoi!!

Dici di avere dato il massimo e allora ha ragione chi dice che sei sopravvalutato… mi spiace ma te la sei cercata, perché e te lo appena scritto, in questo mondiale si è parlato più di te e di Fanny che delle tue gesta sportive... praticamente inesistenti.

Dici che gli africani non ti scaricherebbero così? Allora vai in Ghana e se qualcuno ti critica digli che non capisce niente di calcio come hai fatto con due ex giocatori di tutto rispetto come Marocchi e Boban, poi vediamo se ti applaudono lo stesso se giochi una gara irritante come, oggettivamente, hai giocato questi Mondiali…

Tutto qua.
La tua lettera doveva essere di scuse per un Mondiale fallito non di rabbia!

Mi spiace Mario… ma la risposta è ancora sbagliata

K


Il bivio di Balotelli e la disfatta di "Italia - Uruguay"

Caro Mario
ci sono partite di calcio difficili da commentare perché portano con sé tante storie e tante anime da raccontare.
Ecco… Italia Uruguay è una di quelle!

Si potrebbe iniziare dalla fine, dalla dignità di un confuso Prandelli che si dimette dopo aver fallito un Mondiale  facendo prevalere la paura sul coraggio, giocando con il timoroso modulo a una punta che è un po' come presentarsi a un'orgia con la cintura di castità, che come effetto ha prodotto 5 tiri in porta in 3 partite e una sola vittoria ai danni di un'Inghilterra degna di un torneo aziendale.

sabato 21 giugno 2014

I Pearl Jam a San Siro: Standing ovation per un'opera d'arte



Mi guardavo attorno mentre per la prima volta (finalmente!) i Pearl Jam suonavano a San Siro e vedevo volti sorpresi dall’intensità dei suoni, increduli per la bellezza percepita, in lacrime per “Just breath” (dedicata alla moglie lì presente) che è stata l’apice di un capolavoro iniziato poco prima delle 18, Eddy Vedder sale sul palco indossando la maglia numero 10 della Nazionale di calcio e regala ai presenti “Porch”.




Sono le 20.45 del 20 Giugno 2014 quando tutto ha inizio, sono i giorni del solstizio d’estate e i nuovi grattacieli di Milano riflettono un sole che pare non vorrebbe tramontare mai sulla notte dei Pearl Jam. 
Sono le 20.45 ed eccola la voce di Eddie Vedder, la voce di un incantesimo, che fin dalla prima vibrazione di “Release” alza chilometri di pelle d’oca. 

venerdì 20 giugno 2014

Grazie a Mannarino ho dimenticato la relazione fra Nicole Minetti e il figlio di Gigi D'Alessio, Alfano sul caso Yara e la riforma del Senato firmata Renzi/Berlusconi

Ciao Alessandro

il tuo arresto per resistenza a pubblico ufficiale è stata la notizia migliore di questi ultimi giorni. 
Non perché mi faccia piacere,  ma perché mi ha fatto pensare agli epici gesti di leggende del rock che non esitavano a manifestare la propria esuberanza nemmeno davanti a tutori di leggi promulgate da politici benpensanti.

Avevo letto solo il titolo: “Arrestato Mannarino: rissa e lesioni a pubblico ufficiale” e già la mia mente in stato di esaltazione rievocava scene quali Jim Morrison arrestato a Miami per aver mostrato al pubblico la sua “cince allegra” ed Elvis arrestato a Memphis per rissa con un benzinaio, oppure Ozzy Osbourne arrestato dopo aver pisciato sul monumento dell’indipendenza del Texas... ma la lista del rapporto fra musica e manette è lunga quanto entusiasmante.

martedì 17 giugno 2014

Elisa d'Ospina: Fate l'amore non fate le diete!

Ciao Elisa

come stai?

Oggi in libreria ho sfogliato il tuo libro “Una vita tutta curve”.

Mentre lo leggevo ho pensato che è un peccato che ancora in troppe persone non conoscano la tua filosofia di vita per vivere in armonia con il proprio corpo e le tue battaglie contro gli standard estetici della nostra società... che ci bombarda quotidianamente con modelli di bellezza dalla perfezione e dalla magrezza irreale.

domenica 15 giugno 2014

Tutti pazzi per Darmian: ITALIA - INGHILTERRA (Brasile 2014)


*

"Mi piacciono gli italiani, vanno alla guerra come fosse una partita di calcio e vanno a una partita di calcio come fosse la guerra" Winston Churchill

Ciao Matteo


quando la telecamera ha fatto la carrellata sui giocatori schierati durante l’inno tutto il mondo si sarà chiesto: “E’ questo chi è?” perché se non te lo aspettavi tu di essere titolare a un Mondiale… figurati noi!


Al netto dei tifosi del Torino, solo pochi altri estremi calciofili conoscevano il tuo volto e la tua esistenza calcistica, ma poi tutto è cambiato:

venerdì 6 giugno 2014

A Suor Cristina di THE VOICE: cedere una vittoria è più cristiano di un "Padre Nostro"

Ciao Cristina

se tu avessi ceduto la tua vittoria a Giacomo Voli avresti ricevuto una Standing Ovation degna dei fantozziani 92 minuti di applausi. Sarebbe stata la tua vera vittoria… un gesto che sarebbe stato apprezzato sia da anime “cattolicamente” nobili come Papa Francesco che dai più implacabili satiri di twitteriana presenza.

qui il video ufficiale: 

mercoledì 4 giugno 2014

Se Ugo Norrea Vs Matteo Salvini è più esaltante di Nigel Farage, Beppe Grillo e la Boschi messi insieme (con un omaggio a Troisi)

E' un periodo così... stavo perdendo qualsiasi stimolo verso la politica italica... 
...non mi entusiasmava nemmeno la beatificazione di Maria Elena Boschi di Calcutta che sfilava sul Red Carpet dell'aeroporto di Ciampino vestita di bimbi congolesi.* 

A proposito di Lady D. Boschi, fonti non confermate affermano che secondo le ultime rilevazioni di Renato Mannheimer, immaginare la Boschi nuda abbia superato sia Gabriel Garko che addirittura Zayn Malik dei One Direction nelle fantasie erotiche dei seminaristi italiani, forse grazie a quella sua perenne espressione di "fai piano che sono vergine"
     
Zayn Malik